MAD CAT 73

Gatto matto del settantatre

 

Sgióvat, bél, alégar, vòja da viva,

spinsìrà, ti vivévi i töi dàrsèt àgn,

pién at vita, 't sögn, da spirönzi,

cùmè tücc cüi, tücc cüi cùm i töi àgn.

Càvaliér dal di d'incöi, a cavàl da tö mùtor,

la tö pasión, al tö cavàl d'azàl.

Ma un d'un colp, la tö vita s'è fàrmaa,

s'è fàrma cùntra un pàl, cùntra cùl pàl.

Un pàl at fèr, un pàl da la luce, che; irùnia d 'la sòrt

al tö ciàr, al ciàr da la tö vita, la smùrzà.

In d'un colp, i töi sögn, i töi désidéri, i töi prùgèit,

in d'un colp, in d'un gnénti, sü in cél tüt lè vùlà.

Disgrazia, sfurtüna, distin, l'éva scricc insì.

Ghè stàcc pròpi gnénti da faa; pròp'insi la dùvéva naa.

Dès disuma:_ però, màgari, forse, sé, sé 'l pàl, sé cùl pàl,

al füdés stàcc, concùönta ghèi, un mètar püsè in là, forse, magari, s-sa mai, chi sa_.

T'è lasàcc un grön vöi, dré da tì, chì in mèz tücc cüi,

che in d'una moda o 'n dù n'àuta, t'ön cùgnùsü;

cüi chi t'ön vist crösa, gni grönd, cùm ti, g'ön bijü che faa;

che i dì béi e i dì brüit, i bèi e i brüit mùmént, cùm ti ön dividü.

'N dùva t'ig sévi ti, ghéva ligria, voja da faa, voja da viva.

T'it favi vùree bögn da tUcc, un màt d'or, tUcc ta vùrévan bögn.

La realtà l'è crùa, dura da citaa, da mandaa giü. Sarà dùmà un sögn, ti spéri;

ti pénsi_dèss vèri i'öcc, 'm disvègi, màgari l'è stàcc pròpi un sögn, dùmà un brüt sögn_.

Ciau Lorenzo, ta salüdi, Ciau Mad Cat.

Ciau Lorenzo: Gat Mat dal sitöntatri.

Al tèmp al pàsan i'agn, ma'l tö rigòrd l'è sémpra viv,

sa sbiùyis mia: ti sè chi tra nüi, ti sarè sémpra chi.

 

MAD CAT 73

Gatto matto del settantatre

 

Giovane, bello, allegro, voglia di vivere,

spensierato, vivevi i tuoi diciassette anni.

Pieno di vita, di sogni, di speranze.

Come tutti, tutti quelli con i tuoi anni.

Cavaliere dei giorni nostri, a cavallo del tuo motore.

La tua passione, il tuo cavallo d'acciaio.

Ma d'un colpo, la tua vita si è fermata,

si è fermata contro un palo.

Un palo di ferro, un palo della luce, che ironia della sorte,

La tua luce, la luce della tua vita ha spento.

In un attimo, i tuoi sogni, i tuoi desideri, i tuoi progetti,

in un attimo, in un secondo, su in cielo tutto è volato.

Disgrazia, sfortuna, destino, era scritto così.

Non c'è stato nulla da fare; cosi doveva andare.

Ora diciamo:-però, forse, se, se il palo, se quel palo,

fosse stato, cinquanta centimetri, un metro più in là forse, non si sa.

Hai lasciato un gran vuoto in mezzo a tutti quelli

che in una maniera o in un'altra, ti hanno conosciuto.

Quelli che ti hanno visto crescere, diventare grande, hanno avuto a che fare;

che i giorni belli e i giorni brutti, con te hanno diviso.

Dove c'eri tu, c'era allegria, voglia di fare, voglia di vivere.

Ti facevi volere bene da tutti, eri un ragazzo d'oro tutti ti volevano bene.

La realtà è cruda, dura da accettare, da mandare giù. Sarà solo un sogno, tu speri,

tu pensi: - ora apro gli occhi, mi sveglio, forse è stato proprio un sogno-.

Ciao Lorenzo, ti saluto Ciao Mad Cat,

Ciao Lorenzo, Gatto Matto del settantatrè.

Il tempo passa, passano gli anni, ma il tuo ricordo è sempre vivo,

non si sbiadisce, sei qui tra di noi, tu sarai sempre qui.

Questo sito utilizza cookies tecnici per la navigazione e per fornire un servzio migliore ai propri utenti. Per ulteriori dettagli visualizza la nostra privacy policy.

  Accetto i cookies.